domenica 18 ottobre 2015

VEGGENTI CONTRO IL VANGELO!!!


I VEGGENTI NON POSSO PARLARE CONTRO IL VANGELO!!


Chiunque può dire quello che vuole, un discorso è parlare da se, con le proprie idee, la propria testa, un discorso è parlare per conto del Signore, o della vergine S.S.ma. 

Molti pensano che i veggenti sono liberi di dire quello che vogliono, questo è assolutamente falso, i veggenti devono recepire il messaggio, trascriverlo o scrivere immediatamente, se  l’apparizione lo consente.. 



Se hanno discernimento dovrebbero spiegar qualcosa dello stesso, sistemarlo al massimo nella forma ortografica, ma il contenuto del messaggio deve assolutamente rispecchiare il contenuto dei vangeli e dei comandamenti o della sacra scrittura(Bibbia), anche se sono parole diverse.


Ma non può tassativamente essere diverso dalla scrittura stessa, a meno che non si riveli eventi del futuro, o che dia un comando, ma in questo caso anche il comando o la decisione deve rispecchiare sempre la legge Eterna, non va mai fuori di Essa. 

Un esempio, se durante un apparizione, l’entità/spirito che appare fa dei discorsi contrari a quello che è la verità Evangelica e della Sacra scrittura si può dire senza ombra di dubbio che quella non era un entità benigna, ma un entità ingannatrice, perché anche il veggente può essere preso ed ingannato dal maligno, anzi il maligno spfida il veggente a reggere il confronto, infatti satana "ama" di più catturare i veggenti(profeti), apostoli, eletti, sacerdoti e bambini che non le persone normali. 

Satana può far credere delle verità distorte, per portare il mondo verso una meta diversa da quella voluta di Dio. Cioè dire della mezze verità, oppure mescolare la verità vera, che la conosce molto meglio di noi, con una falsa verità, in modo da confondere anche un abile esperto teologo, perchè ne è capace, quindi solo una persona con lo Spirito Santo sa dire se quel testo, è di Dio o no!

Cosa non può dire un santo, un angelo del cielo, la Madre di Gesù, lo stesso Gesù Cristo o lo Spirito Santo?

Non possono affermare nulla di quello che va contro loro stessi, cioè tutto quello che va contro Dio stesso!!!

1° :
La Madre di Gesù o gli angeli, non possono dire: che tutte le religioni sono uguali al cospetto di Dio, questo è palesemente falso, chi asserisce tali parole sta mentendo o per volere di un entità avversa oppure per volontà propria, che mira a far credere ai cristiani, che questa sia una verità, che viene da Dio, è contro Dio.


2° :
Nessuno, Né gli angeli di DIO, né la Madre di Dio, né lo Spirito Santo, né il Figlio di Dio, possono dire il Padre Celeste, che induce in tentazione gli esseri umani, è falso; perché mai Gesù disse rivolgendosi al Padre Suo “tu mi induci in tentazione” è un eresia, una bestemmia terribile, fatta per annullare la preghiera più importante di tutta della Cristianità. Tale Frase un vero Veggente non la pronuncia mai, perché il Signore lo corregge!!! Se non avviene questa correzione c’è il rischio che il veggente non sia tale. Un conto è che la frase venga detta dal popolo, Dio la tollera; un conto che la frase venga detta da un suo eletto, non tollera. Per cui la Madre di Dio se il veggente o profeta comprende la questione, chiede che sia cambiata la forma…. Come è accaduto a me, molti anni orsono, che il Signore e anche la Madre sua mi hanno chiesto di sostituire, quella frase,” non m’indurre in tentazione” con questa :” preservaci dalla tentazioni” cioè nella forma latina:” Tuera nos a Tentationibus”.

3°:
Nessun angelo di Dio, né alcun Santo, né la Vergine Santissima, può asserire che il figlio di Dio, Gesù Cristo, è inferiore a qualsiasi angelo. Perché è falso, ovviamente si capisce il perché, essendo esso Figlio di Dio, non era e non è inferiore a Dio stesso, essendo Gesù, Trinità di Dio, così lo era in terra e così lo è nei cieli. Chi asserisce una cosa contraria sta facendo un operazione di confusione tra i fedeli e nella chiesa e dice il falso!

4°: 

La Madre di Gesù , Gesù stesso, lo Spirito Santo, e anche gli Angeli e i santi in virtù della parola scritta suoi vangeli e enunciata da Cristo non possono chiamare i pontefici con la parola Papa, Santo, Padre, Buono o Maestro. 

Non possono perché contraddirebbero la parola di Dio, espressa da Gesù stesso. Quindi quando si leggono messaggi contenenti, le parole il mio papa, il santo padre, sua santità, il papa è buono, ecc, sono tutte parole aggiunte in sovrappiù o dal veggente o da chi sistema il contenuto e spesso lo cambia, come nel caso dei revisori della chiesa, che pensando di far bene fanno male, ponendo sul piedistallo il pontefice, alla stessa stregua di Cristo o di Dio Padre. Se per caso l’eventuale “entità” dovesse esprimersi con questi appellativi, si consideri il messaggio falso, l’entità non appartiene a Dio.


5°: 

Non si dica mai che la Vergine Maria spinge la gente a comperare tanti santini o oggetti sacri, perché questo va contro il comandamento sull’idolatria. La Madre di Dio non lo dirà mai e neppure gli angeli.

Qualcuno mi ha fatto un obbiezione, dicendo che tantissimi santi, beati, veggenti, ecc, la Madonna e anche Gesù avrebbero chiesto di coniare medaglie, scapolari, fasce ecc... Dio se vuole può fare quello che vuole come Gesù ha espresso nei vangeli a Pietro, nessuno glielo può impedire, però se Dio Padre ha posto un comandamento preciso, sembra strano che Egli stesso esca da questo comando, così tante volte. Perchè posso capire qualche medaglia, ma non tutti i beati, non tutti santi, non tutti i veggenti, non è possibile. Il Signore sa benissimo che si genera un fenomeno di esaltazione, superstizione, ecc, che la gente si affeziona all'oggetto e non a Dio, da all'oggetto un valore maggiore di Dio stesso, credendo che quell'oggetto sia la causa dei miracoli, e tutti hanno qualcosa con cui sia aggrappano, chi il santino chi la medaglia chi lo spapolare poi alla fine se ne ha una montagna, che nessuno ne fa nulla, e spesso si comperano. Attenzione, per cui se Egli ha posto quel comando come cardine non credo che Esso stesso, vada contro ad Se stesso, non credo proprio sarebbe illogico.

Penso invece che medaglie, scapolari, fasce, ecc, possano essere  di derivazione umana, per quello che riguarda i santi per esempio io so che la chiesa per commemorare un santo, beato, martire, produce santini, medaglie, ecc. ma non perchè glielo ha detto Dio, lo fano per commemorare. Ora non voglio dire, però non posso nemmeno non pensarlo che taluni veggenti e non solo, s'invetino che la Madonna gli avrebbe detto di fare medaglie, scapolari, fasce ecc, al fine di guadagno, e queste furbate ahimè, non le hanno invetate solo taluni veggenti, ma anche qualche furbo e scaltro sacerdote tempi che furono e non solo. Il Signore non ama che la gente ami gli oggetti che non hanno un anima, che sono immagini di creature celesti, o esseri umani, o demoni, lo dice chiaramente il comandamento.

Quindi l'Immacolta, la senza macchia, quante volte realmente ha ordinato di realizzare una medaglia, secondo me nemmeno una. Però può essere che qualche volta l'abbia fatto, nessuno dice di no, ma non per tutti i veggenti, non per tutti santi, non per tutti i beati è impossibile.

Oltretutto queste medaglie, scapolari, fasce sono tutte mezzi di lucro e volete che Dio non lo sappia? Andrebbe anche contro un altro comandamento, ma figuriamoci!!

Che poi Dio lasci fare è un altro discorso, perchè è un Dio super buono, super paziente, super miserdioso, ecc, per cui tollera.

Una cosa è diversa, è quando una artista fa un quadro, una scultura che rappresenta la vita della Vergine, ecc e quindi da Gloria Dio tra gli uomini, questo è apprezzato, perchè è una manifestazione dell'affetto dell'artista verso Dio. Anche se alcune volte l'opera d'arte può diventare per volontà di Dio, mezzo di miracoli, ma l'opera è una sola e spesso vengono donate alle chies(Dio), quindi non c'è nemmeno lucro.

Un discorso è diverso per oggetti di natura sacra, come può essere un rosario, perchè in quel caso, l'uso serve epr pregare Dio, allora cambia il discorso, però essendo l'oggetto di tipo sacro, non bisogna farne oggetto di lucro, come la gran parte del mondo fa, che li vende, solo il sottoscritto non lo vende quello che la Vergine gli ha mostrato.

Facciamo una distinzione, può essere che la S.Vergine mostri un oggetto, al veggente ma non gli ordini di farlo, quindi il veggente sa che deve realizzarlo, perchè è ovvio che sia così, nessuno rifiuta alla madre di Dio qualcosa, è una grazia pure quella.

Di conseguenza non è più un comandare, ma è un proporre, cambia molto, sta tutto in chi vede l'oggetto nel desiderare di farlo, o meno, non vi è nessuna imposizione. quindi può essere, che alcune volte la Madre di Dio abbia mostrato delle medaglie.

Come è successo a me, mi ha fatto vedere un rosario e io ovviamente l'ho riprodotto; solo quando la S.Vergine Maria ti mostra qualcosa, tu non puoi sfruttare quello che Lei ti dona, per un tornaconto tuo, no!

Tu devi dare gratuitamente al tuo prossimo, perchè la Vergine Immacolata te lo ha donato gruitamente; ahimè questo mai succede, Sono l'unico che posso anche vantarmi e dire che mai ho guadagnato un cenetesimo, anzi  ne ho rimesso, ma va bene così.

Anche se so, che c'è più di qualcuno che ne ha fatto uno scopo di lucro con il mio rosario la Gloria di Dio, e qualche furbetto se è presi i meriti, ma dico a questi, non tirate troppo la corda, perchè vi può andare bene oggi, domani, ma dopo domani voi non sapete cosa vi può succedere, perchè Dio paga tutti i giorni, non solo di sabato.

Come c'è gente che mi deruba degli scritti che pongo qui in questi blog, e io questo lo so già, così avviene per tutto.

Dimostrazione che la disonesta alberga in tutti i cuori, ovvio che poi Gesù dica che il cuore umano è la fonte del male, ci credo!!!

Non solo nel ladro, ma anche nel veggente, anzi spesso i veggenti si copiano l'un altro. Non pensate che sia tutto rose e fiori come vi fanno credere, no, no!!! E la verità da fastido anche ai veggenti...

Tutti i veggenti, hanno un tornaconto sulle cose che gli vengono da Dio, sono molto perplesso sul fatto che gli Spiriti di Dio, comandino di realizzare oggetti, secondo me, ci sono tante bugie che circolano e false verità. Nel campo delle fede e della spiritualità c'è un mercato ultra fiorente, forse il mercato che tira di più di tutto nel mondo.

Dovrebbero mettere le tasse per essere equi e onesti...

Quando Gesù dice ""date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio"" cosa intende dire secondo voi?

Cosa ci ha dato a Dio tutto quello che gli appartiene, cioè tutto; ma allora cosa gli appartiene a Cesare se a Dio appartiene tutto?

A Cesare appartiene le legge umana, a cui l'uomo è tenuto a rispondere con onesta, perchè curiosamente Dio è anche vigile su quella, e vede se sei onesto o disonesto, se sei furbo o magnanimo, se freghi il prossimo oppure lo aiuti, ecc. Che non pensiate che Dio vi giudichi solo per le  Sue cose. No,No! Vi sbagliate di Grosso!!! Quindi i veggenti  furbi che dicono per discolparsi, """ma io non mi occupo di queste cose finanziarie!!!""", ma intanto ci mangiano sopra allegramente senza pensare da dove arrivano i soldini....Si domani!!! Quindi attenzione a non fare i furbi, Dio vede anche nel confessionale e anche nella tenda elettorale, anche in bagno, ahahah.  Quindi meglio che restituite tutto a Cesare, meglio dargli anche le braghe, piuttosto che perdere l'Eternità. Io la penso così!!
A Cesare non appartine l'essere umano, ne la sua anima.

Non dite che la Madonna vi ha detto di fare medaglie e medagliette, sarebbe meglio dire la verità!!! 

6°: 

Nessun veggente, nemmeno la Chiesa può dir nulla che sia in opposizione ai comandamenti di Dio. 

7°: 

Nessun angelo dal cielo dirà mai ad un veggente, che non si deve o non si può correggere i propri fratelli, anzi farà l’esatto opposto. Dirà semmai che nessuno può condannare un essere umano, solo Dio lo può fare. 


8°: 

Nessuno, neppure Gesù darà mai il potere all’uomo di condannare un essere umano, cioè scomunicarlo! Se qualcuno ha detto questo, lo ha fatto per sua volontà o volontà di altri. Perché un essere umano può sempre ricredersi, se non è nel giusto, ma anche chi lo accusa può essere nell’errore! Facciamo attenzione!!!!


9°: 

Molti veggenti, terminano i loro messaggi con frasi di questo tipo … dalle quali si capisce che spesso questa chiusura non appartiene all’entità/spirito che ha parlato, ma alla convinzione del veggente, che immagina che così vada bene. 

“”cari figli vi porto la pace …”” intanto questo modo generico di parlare non appartiene a Dio. 

Prima di tutto si deve conoscere bene le parole di Gesù, che ha detto :“Non sono venuto a portare la pace, ma la spada” quindi quando Egli lascia il veggente non dice mai, in senso generico come spesso vediamo scritto vi porto la pace, no! Gesù, sua Madre ecc, quando lasciano il soggetto, veggente, solitamente benedicono, Gesù non fa segni di croce, forse sua Madre. Ma spesso possono anche non dire nulla, se ne vanno come sono arrivati. Al massimo Gesù può dire “vi porto la mia pace” se non è presente l’aggettivo possessivo, la frase non è detta da Gesù. Ma è facile che sia un aggiunta del veggente stesso o di chi corregge i suoi testi.
La pace di Gesù, non la nostra Pace!!


10°: 

Il modo di parlare di Gesù e quello di sua Madre sono diversi, ovviamente, ma non così tanto. 

Gesù parla spesso in parabole, anche durante i messaggi o le apparizioni, non ha cambiato molto il suo modo di esprimersi da quando era con gli apostoli. Sua madre parla in modo più semplice e non fa monologhi lunghissimi, spesso è essenziale, va diritta al dunque, ma sono tutti discorsi estremamente logici e perfettissimi. 

Spesso invece di vedono testi di veggenti, tutti contorti, strampalati, farraginosi, che saltano da palo in frasca e che cambiano spesso discorso estremamente poco logici. 

Quasi tutti i veggenti fanno dire alla Madre di Dio che bisogna pregare con il cuore, generalmente, la parola cuore non è usata da Gesù, perché rientra nella sua parabola che il cuore dell’uomo è la fonte del male, dal quale nasce odio, omicidi, vendette, sessualità, ecc. per cui Gesù semmai parla non di cuore ma di amore, quando si legge nei messaggi di molti veggenti, l’uso eccessivo della parola cuore significa che il messaggio potrebbe essere falso. Quindi stiamo attenti. 

Ve ne sarebbero molte altre, mi fermo qui …




Quindi qualsiasi veggente che esprime concetti nei suoi messaggi contro il vangelo non parla con Dio, spesso inventa da se, qualche volte è preso da satana. 

Un altra cosa importante che riguada i veggenti:


La linearità, la costanza, cioè la condotta etica, morale, sociale e di fede di un Veggente, non è così scontata come tutti credono, perché un conto è il bambino veggente che è puro, candido, ingenuo e difficilmente compie peccati gravi, un conto è l’adulto veggente che invece facilmente può cadere in peccati anche gravi, per cui non date per scontato che il veggente non possa aver contatti con entità maligne, anzi può accadere, proprio per il fatto che è adulto, e difficilmente un soggetto adulto non è casto sempre, puro sempre, non c’è solo la castità carnale, ma c’è anche quella mentale che in realtà è l'onesta, la verità, la giustizia, la carità, ecc, quindi facciamo attenzione.

Un veggente gli può apparire anche satana, e se non è abile nel capire, potrebbe essere soggiogato, ricevere e scrivere messaggi contradditori o strani, o contenenti errori contrari alla sacra scrittura. 

La fede è un Dono di Dio. 
La scrittura è un dono di Dio.
La dottrina è creata dall'uomo, basata sulla scrittura.